“Mettiti nelle mie scarpe”. Un paio di scarpe di uno sconosciuto e una storia da ascoltare

Vi siete mai messi nelle scarpe degli altri? Noi abbiamo provato, abbiamo indossato le scarpe di uno sconosciuto e ascoltato la sua storia.

Bastano un paio di scarpe e delle cuffie per immergersi nel racconto di vita di una persona che non conosci. Scoprirne le difficoltà, i pensieri, le paure e le gioie. Emozioni che spesso non possiamo immaginare, storie che non conosciamo e racconti che non avremmo mai ascoltato.

Pic by Carmelo Farini

Tutto questo è possibile grazie all’iniziativa “Mettiti nelle mie scarpe” portata da Fondazione Empatia Milano insieme a Levi’s®, con il contributo di Fondazione di Comunità Milano. È stata allestita a Milano la maxi installazione dell’artista Clare Patey: l’opera d’arte ‘A Mile in My Shoes’ che si basa sul concetto di empatia elaborato dal filosofo Roman Krznaric.

Dal 21 al 28 Settembre in Piazza XXV Aprile a Milano, sarà possibile, un pò come in un negozio di scarpe, scegliere di indossare un paio di calzature per camminare “nelle scarpe degli altri” ascoltandone le storie.

Sarà possibile ascoltare le storie di Marco, Meri, Nico, Carolina, Giovanni, Franco, Michele, Sofy, Sebastiano e molti altri… 21 podcast della durata circa di 9 / 15 minuti.

Le storie, sono state raccolte con cura e attenzione dall’autunno 2020 dallo staff di Fondazione Empatia Milano, sono state montate dai registi Massimo D’Anolfi e Martina Parenti e musicate dal compositore Massimo Mariani. Narrazioni che parlano di empatia e inclusione, di amore e maternità, di difficoltà e riscatto, del “semplice” e dello  “straordinario” che si trova nelle vite di ciascuno di noi. Appartengono a ventuno persone che con un atto di generosità hanno aperto la loro vita, raccontando e rappresentando una Milano inclusiva.


CLARE PATEY

Clare Patey, direttrice dell’Empathy Museum di Londra, è una pluripremiata artista e curatrice inglese che crea spazi sociali di condivisione, partecipazione e incontro tra le persone, convinta del potere trasformativo dell’ascolto e dell’empatia. Oltre ad A Mile In My Shoes, Clare ha firmato altri importanti progetti. Tra questi l’acclamato Museum Of, progetto museale partecipativo quinquennale nel Southbank di Londra, eThe Ministry of Trying to Do Something About It, del 2009, ovvero piccole azioni per generare il cambiamento ideate per laNew Economics Foundation. Inoltre Clare Patey cura annualmente The Feast on the Bridge per il Festival sul Tamigi. Fa anche parte del collettivo Edible Utopia che sta creando una fattoria urbana alla Somerset House di Londra.

Pic by Carmelo Farini

METTITI NELLE MIE SCARPE
Ideato da Clare Patey
Prodotto da ArtsAdmin
A cura di Fondazione Empatia Milano 
Realizzato da Piano B e Fondazione Empatia Milano 
Con la partecipazione di Levi’s®
Con il contributo di Fondazione di Comunità Milano (FCM)
In collaborazione con: Cooperativa Lotta contro L’Emarginazione, Fondazione Idea Vita, Fondazione De Agostini, Associazione per la Ricerca Sociale (ARS). 
Con il Patrocinio del Comune di Milano 

Similar Posts