Inside Production con Enrico Fiore – Bartender Flair

Enrico lo abbiamo conosciuto durante l’ultimo Salone del Mobile di Milano. Era dietro un bancone insieme a un barista olografico e tra una performance e l’altra abbiamo fatto una chiacchierata.

Enrico è nato in Spagna a Madrid, dove inizia il percorso da bartender all’età di 19 anni, partendo con un corso base di American Bar a Milano, presso la Flair Academy. Inizia la sua carriera lavorativa presso i migliori bar della città, approfondendo il suo “know how” migliorandosi giorno dopo giorno, fino ad arrivare a insegnare nella scuola in cui aveva intrapreso la carriera di bartender. Diventa così Master Trainer, opportunità che lo porta nella scuola più grande al mondo, la più rinomata a livello di formazione: la EBS (European Bartender School).
Questo percorso di formazione dura circa 4 anni, viaggiando per tutta Europa e Sud America, insegnando nelle diverse sedi dell’azienda in differenti lingue, candidandosi così per 2 anni consecutivi come miglior istruttore al mondo formando circa 1500 corsisti.


Ciao Enrico! Come nasce la tua passione per il Flair?

Ciao ragazzi! Devo dirvi la verità… la mia passione per il flair nasce puramente per caso!
Ho iniziato a interessarmi dopo 2 anni che lavorato come barman. Il flair, viene visto dalla maggior parte delle persone che non sono del mestiere come “giocoleria” o “da circo” e ammetto che anche per me era così.

All’inizio della mia carriera da barman mi sono concentrato sulla mixology e su tutta quella parte complessa relativa alle ricette fino a che non conobbi un ragazzo che faceva sia mixology che flair e quando lo vedevo lavorare mi emozionavo. Era simpatico, sorridente e fluido, sapeva intrattenere e i suoi drink erano la fine del mondo. Ricordo che mi invitò ad assistere ad una sua competizione mondiale dove si sfidavano Bartender di tutto il mondo… lanciavano oggetti e allo stesso tempo preparavano super drink con ricette elaborate e ricercate.

Da quel momento capii che potevo e volevo fare anch’io entrambe le cose.


Da quel momento hai iniziato anche tu a fare gare, come si è evoluta la tua carriera?

Sì, ho iniziato ad allenarmi e ho cominciato anch’io a competere in gare internazionali di flair e mixology.
Oggi ho più di 60 partecipazioni alle spalle, collaborazioni con i marchi più importanti di moda, brand di settore e diverse presenze in video musicali di diversi artisti in Italia.
Oltre a tutto ciò, organizzo anche masterclass, sono giudice di competizioni e perfomer e collaboro coi brand in occasione di eventi pubblici e privati.


Come possono collaborare con te i brand? Oltre ad offrire il servizio barman, cosa puoi fare con le aziende?

I brand possono collaborare con me sia per eventi spot, quindi serate o eventi dedicati per esempio ad un prodotto in particolare oppure in occasione dell’attivazione del prodotto nei locali/scuole di formazione.
Oltre ad offrire il servizio barman base, quindi la produzione dei cocktail, posso offrire il servizio di barman flair per fare show e intrattenere. Una tra le cose che si cerca sempre di più è la visibilità sui social media, quindi è importantissima anche tutta quella parte mediatica.

Spesso mi viene chiesta la parte educational, quindi masterclass, tasting dedicati e team building per le aziende. Otre al barman mi occupo appunto anche di formazione a 360°, dai corsi base, al flair, alla mixology fino al recruiting supportando spesso i locali per la gestione e la selezione del personale. Offro consulenze varie dalla progettazione del bar, alla formazione del personale e coordinamento del servizio, drink list, organizzazione masterclass e vacanze studio sempre riguardanti il mondo del beverage a 360°.

Ultimamente mi sto dedicando anche alla vendita di postazioni bar portatili. Ho creato un nuovo concetto di postazione bar per gli eventi, sono banconi che si aprono e si chiudono in 10 secondi senza viti, leggeri e resistenti da trasportare in macchina (quick-station).


Con che tipo di brand lavori solitamente?

Lavoro soprattutto con brand di Spirit, ma ho collaborato per esempio anche con artisti in occasione di video musicali, (alcuni esempi Il Pagante, Guè Pequeno, Arisa, Merk-kremont). Collaboro anche con le case cinematografiche, per esempio al momento sono su Amazon Prime in un docu-film e sono rappresentate del flair in Italia.


Lavori anche con agenzie?

Sì, certo. Le agenzie solitamente sono il tramite con le aziende di Spirit, io coordino l’attività o l’evento e lavoro con qualche agenzia di artisti vari che si occupano dell’intrattenimento.


In quale tipo di eventi lavori solitamente?

Negli ultimi anni lavoro sopratutto negli eventi come barman flair spesso cono brand di moda, automotive, ottica, informatica. Vi faccio qualche esempio dei brand: Gucci, Philip Plein, Fendi, Dolce & Gabbana, Bally, Dixie, Dolly Noir, Porsche, Tesla, Renault, Audi ma anche Nescafè.


Hai esclusive merceologiche o collaborazioni fisse?

No, al momento non ho nessuna esclusiva per scelta, penso che altrimenti mi chiuderebbe tante porte.


Viaggi spesso per lavoro? Sei disposto a spostarti per un evento? Solo Italia o anche estero?

Da 4 anni a questa parte ho deciso di aprire la partita iva e quindi essendo freelance dove mi chiamano vado 🙂 sia in Italia che all’estero, in Europa ma anche fuori (sono stato in Russia e in Colombia).


Se vieni coinvolto in un progetto, puoi fornire anche altro staff oltre a te?

Sì certo, negli anni lavorando nelle scuole o presso accademie di formazione avendo conosciuto tanti ragazzi sono riuscito a crearmi un bella squadra sia di barman che di camerieri, runner e addirittura qualche cuoco.


Come ci dicevi, fai anche l’insegnante, raccontaci da quanto tempo e dove svolgi le lezioni

Mi occupo di formazione da 5 anni a questa parte e questa esperienza è stata il mio upgrade. Questo ti permette di avere orari di ufficio non lavorare la notte e avere tante soddisfazioni e stimoli. Vedere i tuoi studenti crescere e avere successo è una soddisfazione indescrivibile, penso sia una delle cose più appaganti da quando lavoro nel mondo del beverage.

Ho iniziato un percorso come assistant trainer in una delle scuola di American Bar più importanti d’Italia, questo dopo 4 anni di esperienza (dopo il mio primo corso di formazione) senza essere retribuito. Il tutto, lavorando nei locali fino a tarda notte, presentandomi il mattino presto alle lezioni.

È stata dura ma quando hai un obiettivo chiaro vai oltre la stanchezza.

Dopo 2 anni di sacrificio sono diventato istruttore nella medesima scuola (Flair Academy) dove avevo fatto il mio primo corso e dopo 1 anno ho avuto la promozione come head instructor gestendo corsi e trainer. Dopo un anno da head instructor mi sono spostato nella scuola più importante al mondo, una multinazionale che ha una sede in 26 capitali nel mondo, facendo corsi in diverse lingue: spagnolo, italiano e inglese, insegnando in diverse sedi in giro per l’Europa.

Sono diventato dopo 8 mesi head instructor della sede di Milano e dopo 2 anni mi hanno premiato come instructor of the year (european bartender school). Al momento, essendo freelance, collaboro con tante scuole in giro per l’Italia e mi appoggio nelle loro strutture.


RIEPILOGO SERVIZI

  • Barman
  • Bartender Flair
  • Coordinamento staff
  • Coordinamento evento
  • Mixology e creazione di ricette
  • Trainer e masterclass / team building
BASED: MILANO
Contatti  
Mail: enrico.luxbaragency@gmail.com
Phone: +39 348 8157209
Instagram: @enrico_flower
Youtube: Enrico Fiore

Similar Posts